mercoledì

Blossom zine Lake Como Special




Evvivaaaaaaaaa è arrivata l'estate!

Finalmente online il nuovo numero di Blossom zine, ricchissimo!
e in più su questo numero un'inserto speciale dedicato al Lago di Como.
con una travel guide e il calendario eventi del lago di Como.

Articoli sulle ville storiche, sui giardini botanici, sui matrimoni da favola, sui ristoranti con viste da cartolina, sulle darsene a risparmio energetico  e .... tanto tanto altro!

























Lake of Como cards
























Travel Guide 

lunedì

in luglio un tramonto spettacolare




Tramonto è il momento in cui il Sole scompare sotto l'orizzonte verso ovest.

grandine a metà luglio


disastri in arrivo...

domenica al lago










Torno

Festival Como Città della Musica_ luglio 2009

Impronte di suoni. Impronte di passi e di luci.
Impronte e suggestioni di cantanti, ballerini, musicisti, tracce di strumenti, costumi, trucchi e coreografie che attraversano gli spazi della città: Villa Olmo, il Teatro Sociale, S. Abbondio, ma anche tutte strade, vicoli, campanili, logge e piazze.
Il Festival Como Città della musica, alla seconda edizione, intreccia i generi - pop, classica, danza, musical, lirica, jazz- nelle lunghe notti d’estate.

venerdì

gita in battello

partenza da Como
Arrivo a Bellagio



Torno

lunedì

Laglio: Villa Oleandra di George Clooney






Villa Oleandra
A ridosso di una breve insenatura e ornata da uno stretto parco che si allunga parallelamente alla sponda del lago, sorge questa piacevole, ottocentesca villa. 


Per alcune generazioni è appartenuta ai sognori Vitali, milanesi. Sino dai primi del Novecento si ricorda un gentiluomo-pittore di questa famiglia, Emilio Vitali, apprezzato e conosciuto ritrattista della buona società lombarda, nonchè gradevole conversatore.
Egli amava in modo particolare la sua bella "Oleandra", la villa della sua infanzia, e ogni estate, con la propria famiglia, puntualmente ritornava a Laglio, offrendo agli amici la sua cordiale ospitalità.

Attualmente la villa è di proprietà dell'attore americano George Clooney. 

http://www.immobiliarecomo.com/info.asp?page=4&subp=3&pagen=39















Siete interessati a visitare il lago di Como
cliccate qui per avere tutte le notizie 

su questo numero di Blossom zine un'inserto speciale dedicato al Lago di Como.
con una travel guide e il calendario eventi del lago di Como.

Articoli sulle ville storiche, sui giardini botanici, sui matrimoni da favola, sui ristoranti con viste da cartolina, sulle darsene a risparmio energetico  e .... tanto tanto altro!

a presto 

giovedì

rosso di sera ...



bel tempo ... si spera 

sabato

primi raggi di sole

Lenno: Villa del Balbianello


Villa del Balbianello
Nel 1941 Mario Soldati qui ambientò la tormentata storia d’amore tra Franco Maironi (Massimo Serato), patriota e fervido cattolico, e Luisa Rigey (Alida Valli, per la prima volta in un ruolo drammatico) del suo Piccolo mondo antico. Villa del Balbianello diventa la dimora della nonna del Maironi, filoaustriaca e conservatrice, che con ogni forza tenterà di opporsi al matrimonio del nipote. Il critico Guido Gerosa ha sottolineato come in questa versione di Piccolo mondo antico.

Locus amoenus per eccellenza, sorta sull'estrema punta di un promontorio boscoso chiamato Dosso di Lavedo che si protende nell'acqua distaccandosi dalla sponda occidentale del lago di Como di fronte a Bellagio, villa Balbianello è senza dubbio la dimora storica sul lago di Como più amata dal cinema italiano e internazionale. II curatissimo giardino a terrazze, con i platani potati a candelabro, i glicini, le antiche statue e l’elegante loggia, appare fin dagli anni ’40 in scene in esterni.

Oltre a Soldati, il regista Christian-Jaque usò la villa per La Certosa di Parma (1947), dal romanzo di Stendhal del 1839: le avventure del giovane nobiluomo Fabrizio del Dongo (Gerard Philipe) e dall’amata Clelia si snodano quasi interamente tra Parma e il Lago di Como. Una riduzione televisiva della Certosa di Parma, di qualità nettamente inferiore, fu girata sempre sul lago, a Tremezzo e a Bellagio, alla fine degli anni ’70.

Del 1995 è Un mese al lago, di John Irvin, racconto di un triangolo amoroso tra un maggiore dell’esercito britannico (Edward Fox), una giovane governante americana (Uma Thurman) e una ricca e matura signora borghese (Vanessa Redgrave). Il film, una sorta di revival del turismo anglosassone in Italia degli anni ’30, viene girato in tutte le molte altre ville della zona: a Bolvedro, presso villa Sola Cabiati e a Como, presso villa Olmo.

Villa Balbianello ha ospitato il cast e la produzione di uno dei film di fantascienza più visti nella storia del cinema. Nel secondo episodio della popolarissima saga Star Wars (2002) la loggia della villa fa da teatro al bacio tra la principessa Padmè e il giovane Anankin.

Persino James Bond ha trascorso qualche tempo villa del Balbianello: qui infatti l’agente speciale, interpretato da Daniel Craig, passa un periodo di convalescenza dopo essere stato ferito nell’episodio della saga di 007, Casinò Royale (2006) di Martin Campbell.


mercoledì

Blevio a Natale










.... il paese delle fiabe

paesaggi lacustri


mattina ore 8.00 a fine novembre

sabato

domenica

Cernobbio: Villa Erba


Il grande cineasta Luchino Visconti (1906-1976) fu profondamente legato, fin dall’infanzia, a Como e in particolare a villa Erba a Cernobbio, che da tempo apparteneva alla sua famiglia. Qui Luchino trascorse tutte le estati fino al 1929 in un ambiente sereno e stimolante, a contatto con la cerchia di politici, artisti e intellettuali che frequentavano la dimora, qui in età matura ospitò alcuni tra i maggiori amici e colleghi, come Franco Zeffirelli, Helmut Berger, Alain Delon. Il regista ricordava con affetto le ore passate nella villa e nel suo ampio parco.

Il fascino di questo luogo influenzò chiaramente Visconti che, più di una volta, ripropose nei propri film reminiscenze del lago e della dimora famigliare, come accadde per l’ambientazione della triste darsena de La Caduta degli Dei che volle simile allo specchio d’acqua antistante a villa Erba o la celebre sala delle feste del ballo del Gattopardo ricreata sul modello di quella di Cernobbio. Nell’ultima parte della vita, il regista, ormai minato nella salute, tornò a lavorare sulle rive del lago, riadattando la ex scuderia a sala montaggio: qui fu ultimata la lavorazione del celeberrimo Ludwig(1973).


Attualmente villa Erba, centro congressuale di fama internazionale, ospita il museo, Le Stanze di Luchino Visconti, un centro di documentazione aperto al pubblico, dove è possibile riscoprire quelle atmosfere care al regista: lo scalone principale, con i grandi ritratti di Luigi Erba e Anna Brivio, i nonni materni di Luchino, l’ampia balconata, la camera da letto delle sorelle, Ida e Uberta, l’unica rimasta intatta. Nella sala di proiezione è possibile assistere a un documentario realizzato dalla Scuola Nazionale di Cinema dedicato al rapporto tra il celebre regista e la sua villa sul lago.

Nel 2001 Marleene Gorris ha scelto proprio Villa Erba come set per il film La difesa di Luzhin tratto dal romanzo di Nabokov Zashchita Luzhina (1930). La storia è interamente ambientata alla fine degli Anni Venti in un grande ed elegante albergo (Villa Erba, appunto), sede del campionato mondiale di scacchi. Si sfidano un campione italiano e il geniale giocatore russo Luzhin (John Turturro): un uomo giovane, agitato, immerso nella passione per gli scacchi, che improvvisamente si innamora d'una ragazza russa incontrata in albergo. La ragazza, che la famiglia vorrebbe destinata a un aristocratico, è sedotta dall'originalità e dal genio di Luzhin, si propone di cambiarlo, di riportare la sua ossessione alla normalità. Una scena da ricordare è l’arrivo di Luzhin, goffo e distratto, nel grande salone della villa, con la servitù ordinatamente disposta per il benvenuto all’illustre ospite.

Recentemente villa Erba è stata l’ambientazione nella produzione statunitense Ocean’s twelve (2004) film d’azione diretto da Steven Soderbergh con George Clooney, Julia Roberts, Brad Pitt e Matt Damon, nei panni di una banda di ladri che lascia la nativa America verso l’Europa alla ricerca del colpo del secolo. Villa Erba è diventata in questo caso l’opulenta dimora di un collezionista d’opere d’arte.

http://www.lombardiabeniculturali.it/percorsi/ville-como/5.2/

http://www.comacina.it/articoli/ocean12-10.html

Panorama con Villa d'Este

un tramonto sul lago in settembre

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails